Cuba 19-24 marzo 2020

 

Nel tentativo, poi rivelatosi vano, di sottrarsi al Covid-19 e data l’imminenza della chiusura delle frontiere cilene da Santiago del Cile ci siamo spostati a Cuba, paese che in quel momento sembrava garantire maggior sicurezza sia da un punto di vista sanitario sia per un possibile rientro diretto in Italia. All’arrivo a l’Habana la situazione appariva tranquilla: poche le formalità d’ingresso e anche in città la situazione era pressoché normale. Il 21 il presidente cubano Manuel Diaz Canel in un discorso alla nazione, fra le altre cose, invitava tutti gli stranieri presenti a lasciare il paese entro il giorno 24. Dopo questa data gli stranieri sarebbero stati confinati a proprie spese in hotel. Pertanto il 24 pomeriggio siamo saliti su un volo Alitalia per Roma dove siamo arrivati il pomeriggio del giorno successivo. Nel nostro soggiorno a Cuba abbiamo passato i primi tre giorni a L’Avana per poi visitare  in rapida successione, con un auto a noleggio, Cienfuegos, Trinidad, Santa Clara e Varadero.

L’Avana fino al 1959, anno della presa del potere da parte dei Castristi, era considerata la più seducente città dei Caraibi. Gli anni a venire segnarono un triste declino ma dall'ultimo decennio del XX secolo si è verificata un'inversione di tendenza; l'agenzia statale Habaguanex con il sostegno dell'Unesco ha proceduto ad una vasta opera di restauro che ha riguardato soprattutto edifici e chiese del periodo coloniale nell'Avana vecchia. Attualmente appare ricca di paradossi e contraddizioni: a edifici perfettamente restaurati corrispondono altri in totale rovina. Uno degli aspetti più seducenti dell’Avana è vedere lo scorrere della vita quotidiana nella città: i bambini giocano per le strade, venditori ambulanti, un signore che cerca di riparare la sua Plymouth del 1955, anche se la maggior parte delle auto d’epoca sono restaurate e adibite a costosi taxi per turisti. Passeggiare lungo il Malecon è un’esperienza piacevole sole, vento, pochissimo traffico, un mare sempre tumultuoso e una bella architettura  di epoca coloniale che alterna perfetti restauri a complete rovine. Cienfuegos è un piccolo centro che si affaccia su un ampia baia ed ha un variopinto e caratteristico centro storico con strette stradine lastricate e viali eleganti, costeggiati da edifici coloniali in cui risaltano le tonalità del verde e turchese, dal 2005 patrimonio mondiale dell’Unesco. Trinidad è un’altra cittadina dichiarata patrimonio mondiale Unesco. In questa cittadina è possibile vedere un tessuto urbano dell’epoca coloniale perfettamente conservato. Il suo piccolo centro storico è visitabile a piedi e si articola in una teoria di piazze e strade che mantengono la tipica pavimentazione acciottolata originale; i palazzi e le abitazioni color pastello denotano lo stile coloniale con il quale furono progettati dagli spagnoli. Santa Clara è una  città al centro dell’isola legata indissolubilmente  alla storia recente di Cuba in generale e alle gesta di Ernesto “Che” Guevara in particolare. Santa Clara, infatti, ha avuto un ruolo fondamentale come teatro dell’ultima battaglia della Rivoluzione Cubana, tra i militari del dittatore Batista e la terza colonna di ribelli, comandata dal Che. Il monumento più significativo è rappresentato dal Mausoleo del Comandante Ernesto “Che” Guevara che contiene le spoglie del Che e dei suoi compagni morti con lui in Bolivia. Altro luogo simbolo della città è il Monumento al treno blindato qui, il 29 dicembre 1958, il Che e un gruppo di 18 giovanissimi rivoluzionari cubani usarono una ruspa e qualche molotov per provocare il deragliamento di un treno blindato. Questo gesto segnò inesorabilmente il destino della dittatura di Batista, aprendo la strada a Fidel e alla Cuba rivoluzionaria. Varadero è situata su un’ampia e lunghissima striscia di sabbia (cajo) punteggiata di palme che si protende verso il mar dei Caraibi. Varadero è la località turistica più famosa di Cuba ed è praticamente un enorme villaggio turistico che ospita circa 50.000 turisti. Quando l’abbiamo vista noi era praticamente deserta, il giorno dopo scattava il divieto per i turisti di soggiornare sull’isola....

L'Avana Malecon
L'Avana Malecon
L'Avana Malecon
L'Avana Malecon
L'Avana
L'Avana
L'Avana
L'Avana
L'Avana cattedrale
L'Avana
L'Avana
L'Avana
L'Avana monumento alla rivoluzione
L'Avana
L'Avana
P1090122
José Martì
L'Avana
L'Avana
L'Avana
L'Avana
L'Avana
L'Avana
L'Avana
L'Avana
Show More
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now